Poesia

– 1 –

Martina Sorci

Nella mia mente
risuona
sono un uomo
essere vivente.

Eppure vedo
quel sangue
sullo schermo
per la strada.

L’asfalto caldo
il catrame
urla e lacrime
saliva e midollo.

Sono un uomo
ripeto
manine
verso il cielo.

L’azzurro
nostro limite
nostro terrore,
Siamo uomini!

E uccidono
esplodono
sparando in nome
dell’ambiziosa follia.

Potere
denaro
maschera
di Dio.

Solo una scusa
vola
sospesa
nella notte.

Sono un uomo
ne sento il peso
la lama di questo dolore
mi colpisce.

Metafora e vergogna
un rimbombo, un grido
niente più resta
nulla più resta.

Solo le schegge
nei polmoni
aria malsana, aria di morte
il nulla.

Non siamo uomini!
Non posso accettare
l’uccidere
e il giustificare.

Solo rime escono
dal mio cuore
forse… forse…
un canto salverà le creature.

Sono un poeta
ora ecco la mia mente
libera
pura.

Vedo quel sangue
limpido fumo,
sorrido ai fiori
sull’asfalto.

Nella desolazione della guerra
melodia sospesa
fra bombe
reali e virtuali.

Qualcosa vibra
dentro di noi
nel profondo del cuore
risuona.

Il mio soffio
libero
immobile non posso
restare.

Sono un uomo e un poeta!
Oggi vedo qualcuno
dichiarare guerra
e domani?

Solo fiori sui campi
nulla più sarà.
Piango nel fango
cerco il bene perduto.

Ogni sforzo è vano
nulla più sono
non un poeta,
non un sospiro di vento.

Vittima dell’umanità
bellicosa, triste
figlia di un sogno
utopia dispersa.

La parola
niente
più ordina
nulla disordina.

Un canto di fiori
forse ci salverà.
Solo un canto
solo la voce dei fiori

Rating: 4.5/5. From 15 votes.
Please wait...
Mostra di più

Martina Sorci

Amo follemente la letteratura, la fotografia, l'arte. Scrivo poesie e racconti da sempre per esigenza e passione, leggo davvero tanto e mi piace girare e scoprire il mondo e tutte le sue curiosità nascoste. Ho una laurea magistrale in Economia e Gestione delle Arti e delle Attività culturali e una laurea triennale in Lettere Moderne.

3 Comments

  1. Il passaggio “Sono un uomo, ne sento il peso” è eccezionale; sottolinea, secondo me,la condizione imprescindibile dell’esistere, una convivenza coatta e forzata con un corpo, con una materia. Richiama anche al peso della coscienza, un peso determinante con cui tutti dobbiamo fare i conti.

    Complimenti!

    Rating: 5.0/5. From 2 votes.
    Please wait...
    1. Ti ringrazio davvero tantissimo

      No votes yet.
      Please wait...
    2. Concordo 😊

      No votes yet.
      Please wait...

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Adblock rilevato

Per favore supportaci disattivando il tuo blocco di annunci