Poesia

Vuoto

Eglantina Bengu

Entri senza bussare
nella mia vita
e pretendi una lieve accoglienza.
Ti fai sentire come un tuono,
diventi straziante come
il ticchettio della pioggia,
ed è un continuo zupparsi le scarpe di fango,
danzare con le secche foglie,
e mi piace, ma non dovrebbe.

Esci senza avvisare
lasciando la porta aperta
e non torni.

Lasci un buco deforme
e sto meglio solo
dopo fiumi di gocce salate
come
l’odore del mondo
dopo una doccia
e mancano
quei colori vivaci,
come
continui a non esserci
Tu.

Rating: 4.8/5. From 17 votes.
Please wait...
Tags
Mostra di più

Eglantina Bengu

A volte troppo sognatrice, a volte troppo pessimista, non c'è mai una via di mezzo ma si sa che è meglio una vita fatta di alti e di bassi dove le esperienze sono infinite, piuttosto di un percorso lineare.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Adblock rilevato

Per favore supportaci disattivando il tuo blocco di annunci