Poesia

L’urna del mondo

AlPizzato

Le tende lasciano scoperto, scuro,

un piccolo quadro di verità,

e si vede un albero nudo che spacca il cielo,

irrompe sul cielo,

con la corteccia dealbata dal gelo perso.

 

Alle ventate oscilla esangue,

quale un marinaio stremato tra le onde conosciute,

che non si cura più del sandolino trepidante.

 

Come se sapesse di non poter sottrarsi

al ninnare del mondo, anche se vetusto,

controcorrente nell’esistenza,

in un reliquiario di mestizia.

Rating: 4.5/5. From 12 votes.
Please wait...
Mostra di più

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Adblock rilevato

Per favore supportaci disattivando il tuo blocco di annunci